Quale accoglienza

Vai al bando del 15 dicembre 2016 http://www.prefettura.it/FILES/allegatinews/1186/Prot_51816_2015%20-%20Avviso%20gara%20accoglienza%20richiedenti%20asilo.pdf scarica

NOTA: oltre alle caratteristiche in calce riportate, I CRITERI PUNTEGGIO MASSIMO ATTRIBUIBILE per i concorrenti al bando erano così descritti:

CARATTERISTICHE TIPOLOGICHE E/O FUNZIONALI DELLE STRUTTURE PROPOSTE (DA VALUTARE PROPORZIONALMENTE AL NUMERO MASSIMO DEGLIOSPITI)

  • RAPPORTO OSPITI/MQ SPAZI INTERNI (OVVERO OSPITI/CAMERE) Fino ad un massimo di punti 6
  • RAPPORTO SERVIZI IGIENICI/OSPITI Fino ad un massimo di punti 5
  • DISPONIBILITA’ DI LOCALI PER IL TEMPO LIBERO
  • Fino ad un massimo di punti 3
  • DISPONIBILITA’ DI SPAZI ESTERNI Fino ad un massimo di punti3
  • SERVIZIO DI PORTIERATO E/O GUARDIANIA H24 Fino ad un massimo di punti 8

A cui poteva essere aggiunto un ulteriore punteggio secondo:

  • Esperienza: esperienza documentata maturata dal soggetto nell’ambito dei progetti SPRAR o in progetti di accoglienza destinati ai richiedenti protezione internazionale o nella gestione dell’emergenza nord Africa,nel periodo2012-2015(con esclusione di altre tipologie diaccoglienza). (max 7 punti)
  • Servizi destinati alla conoscenza base della lingua, storiae cultura italiane:
    Valutazione della qualità complessiva del percorsi formativi proposto per gli ospiti, volto all’avvicinamento alla conos cenza della lingua italiana, della storia nazionale ed europea, della cultura civica e della vita civile in Italia (max 4 punti)
  • Ulteriori progetti ed attività : proposte per l’impiego in modo costruttivo del tempo a disposizione degli ospiti (corsi di informatica,di formazione professionale,iniziative di inserimento lavorativo,etc.),con illustrazione delle modalità di svolgimento, delle ore previste edelle figure professionali che li svolgeranno. (La Commissione hafacoltà di escludere da tali proposte migliorative quelle non consideratedi interesse o che potrebbero determinare difficoltà nella gestione complessiva delle strutture). (max 4 punti)
NOTA: Nel punteggio globale le caratteristiche tipologiche e/o funzionali delle strutture nonchè gli ulteriori servizi potevano attribuire massimo 40 punti, mentre l’offerta economica valeva fino a 60 punti, quindi il criterio principale per la selezione delle cooperative era il prezzo più basso per rifugiato

(dall’AVVISO ESPLORATIVO PER LA RICERCA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER REPERIRE IN VIA DI URGENZA ULTERIORI POSTI DI ACCOGLIENZA IN FAVORE DI CITTADINI STRANIERI RICHIEDENTI PROTEZIONE INTERNAZIONALE (Rif. all. IX del D.LGS 50/2016) della Prefettura di Grosseto 5 luglio 2016 scaricaProt_30249_del_05_07_2016_-_Avviso_pubblico_manifestazione_di_interesse

CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO

Il gestore dovrà assicurare agli ospiti stranieri i seguenti servizi obbligatori:

– Servizi di gestione amministrativa:
a) Registrazione degli ospiti.
b) Controllo e verifica della piena funzionalità dell’efficienza degli impianti della struttura.

– Servizi di assistenza generica alla persona:

a) Orientamento generale sulle regole comportamentali all’interno della struttura, nonché sulla relativa organizzazione.
b) Servizio di lavanderia.
c) Altri servizi di assistenza generica alla persona.

– Servizi di pulizia e igiene ambientale:

a) Pulizia giornaliera e periodica dei locali e degli arredi.
b) Disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e deblattizzazione delle superfici. c) Raccolta e smaltimento rifiuti

2

– Erogazione dei pasti:

Il servizio dovrà essere svolto per sette giorni la settimana, con una somministrazione di prima colazione, pranzo e cena, in base al numero delle presenze effettive nel centro, secondo le modalità di cui alle specifiche tecniche di cui al DM 21 novembre 2008.

Nella scelta degli alimenti dovranno essere rispettati tutti i vincoli costituiti da regole alimentari dettate dalle diverse scelte religiose.
I generi alimentari dovranno essere di prima qualità e garantiti a tutti gli effetti di legge per quanto riguarda la genuinità, lo stato di conservazione e l’igiene. I pasti dovranno essere serviti con adeguati materiali atti al loro consumo (stoviglie, tovaglioli, posate, etc.)

– Fornitura di beni:

La struttura di accoglienza dovrà fornire tutti i generi di prima necessità come di seguito elencati:
a) Effetti letterecci adeguati al posto occupato, composti da materasso, cuscino, lenzuola, federe e coperte, che saranno periodicamente cambiati per l’avvio ai servizi di lavanderia, e quant’altro utile al confort della persona;

b) Prodotti per l’igiene personale e vestiario intendendo la fornitura del minimo necessario al momento dell’accoglienza presso la struttura e, all’occorrenza, il rinnovo dei beni da effettuare periodicamente al fine di garantire l’igiene e il decoro della persona.

c) Il rinnovo di generi consumabili con l’uso (quali sapone, shampoo, dentifricio, carta igienica, ecc.) sarà a carico dell’Ente Gestore.
d) Erogazione del “pocket money” nella misura di Euro 2,50 pro capite/pro die, fino ad un massimo di Euro 7,50 per nucleo familiare, da erogare sotto forma di “buoni” (spendibili in strutture ed esercenti convenzionati) o di carte prepagate da utilizzare a seconda delle necessità dell’ospite (per schede telefoniche, snack alimentari, giornali, sigarette, fototessera, biglietti per trasporto pubblico). Il pocket money verrà erogato dalla struttura ospitante, in relazione alle effettive presenze registrate per ciascun ospite, dietro firma da parte del destinatario a riprova dell’avvenuto rilascio. e) Erogazione di una tessera/ricarica telefonica di Euro 15,00 all’ingresso.

– Servizi per l’integrazione:

Per tutti i soggetti assistiti è previsto un servizio di mediazione linguistica e culturale al fine di garantire la copertura delle seguenti prestazioni:
a) Servizio di assistenza linguistica e culturale.
b) Servizio di informazione sulla normativa concernente l’immigrazione i diritti e doveri e condizione dello straniero.

c) Sostegno socio – psicologico.
d) Assistenza sanitaria, da effettuare presso i presidi sanitari territoriali o medici di base.
e) Orientamento al territorio, informazione ed assistenza nei rapporti con la Questura competente per l’inserimento nel sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.

Per le specifiche tecniche dei sopraelencati servizi si rinvia al Capitolato Generale d’appalto approvato con decreto del Ministero dell’Interno 21 novembre 2008, reperibile sul sito internet del Ministero dell’Interno.

3

DURATA DEL SERVIZIO

Trattandosi di procedura attivata per fronteggiare una situazione di estrema necessità ed urgenza, non risulta possibile predeterminare la durata del servizio che decorrerà dalla data di effettiva assegnazione dei richiedenti asilo ai soggetti gestori fino a cessate esigenze, fatti comunque salvi gli esiti della gara in atto.

REQUISITI DI AMMISSIONE ALLA PROCEDURA

Sono ammessi a partecipare alla procedura in questione gli operatori economici di cui all’articolo 3, comma 1, lettera p) del D.Lgs. n. 50/2016, nonché gli operatori economici stabiliti in altri Stati membri, costituiti conformemente alla legislazione vigente nei rispettivi Paesi e di quanto stabilito dall’art. 45 del D.Lgs. n. 50/2016, oltre ad Enti pubblici, Associazioni riconosciute e non riconosciute, Fondazioni ed altri organismi che abbiano nei propri fini istituzionali quello di operare in un settore di intervento pertinente con i servizi di assistenza e di accoglienza alla persona.

Potranno partecipare anche gestori di strutture alberghiere, purché sia garantita l’erogazione di tutti i servizi citati in premessa, previa stipula di apposite convenzioni con operatori del privato sociale per la gestione dei servizi di natura non alberghiera (es. sanitario, sociale, ecc.). In tale ipotesi, sarà sufficiente, in questa fase della procedura, che la struttura alberghiera dichiari con quale associazione intenda concorrere all’erogazione del servizio, allegando una dichiarazione di accettazione dell’operatore interessato.

I soggetti che richiederanno di partecipare alla procedura dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti minimi:

  • –  non trovarsi in alcuna delle situazioni preclusive della partecipazione alleprocedure di affidamento e alla stipula dei relativi contratti previste dalle vigenti disposizioni, con particolare riguardo all’art. 80 del D. Lgs. N 50/2016 e non siano incorse, nei due anni precedenti la presente procedura, nei provvedimenti previsti dall’art. 44 del D. Lgs. 286 del 25.7.1998 in relazione all’art. 43 dello stesso decreto sull’immigrazione, per gravi comportamenti ed atti discriminatori;
  • –  essere iscritti, per attività corrispondenti ai servizi da rendere in relazione all’oggetto del servizio da affidare con la presente procedura, presso la C.C.I.A.A. territorialmente competente ovvero siano iscritti negli albi o nei registri secondo la normativa prevista per la propria natura giuridica;
  • –  avere la disponibilità di strutture, ubicate nell’ambito del territorio della provincia di Grosseto, aventi le caratteristiche richieste;
  • –  abbiano comprovata esperienza in ambito SPRAR o in progetti di accoglienza similari destinati ai richiedenti di protezione internazionale.Si precisa che requisiti concernenti l’assenza di situazioni preclusive della partecipazione alle procedure di affidamento e alla stipula dei relativi contratti previste dalle vigenti disposizioni, con particolare riguardo all’art. 80 del D. Lgs. n. 50/2016, dovranno essere posseduti anche dai titolari/proprietari delle strutture individuate per lo svolgimento del servizio con l’avvertenza che tali soggetti, al pari di quello contraente, potranno essere sottoposti ad attività informativa (Direttiva 4 agosto 2015 del Ministro dell’Interno).

4

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

I soggetti interessati sono invitati a presentare la propria manifestazione di interesse, utilizzando il modello “Allegato 1”, compilato in ogni sua parte, firmato e corredato dal documento di riconoscimento del legale rappresentante, che dovrà pervenire, esclusivamente tramite PEC al seguente indirizzo: protocollo.prefgr@pec.interno.it entro le ore 12,00 del giorno 16 luglio 2016.

Si precisa che l’eventuale affidamento in via d’urgenza sarà formalizzato con apposita convenzione e che dovranno essere garantiti i servizi obbligatori sopra elencati.
Il prezzo unitario riconosciuto per questa tipologia di affidamento è fissato in 30 euro pro-die/pro-capite, come statuito anche dalle circolari ministeriali in data 8 gennaio e 9 aprile 2014.

ESAME DELLE RICHIESTE

La Prefettura procederà all’esame delle domande pervenute e della relativa documentazione e, verificati i requisiti dei proponenti e della/e struttura/e proposta/e, procederà, a suo insindacabile giudizio, in relazione alla situazione in atto e alle esigenze del territorio, ad individuare i soggetti con i quali formalizzare le convenzioni per l’erogazione del servizio di accoglienza, sentita l’Amministrazione comunale interessata.

Si informa che:

  •   il presente avviso ha scopo esclusivamente esplorativo, non comporta l’elaborazione di graduatorie di merito o attribuzione di punteggio, né determina l’instaurazione di posizioni giuridiche od obblighi negoziali; non costituisce inoltre alcun vincolo in capo alla Prefettura di Grosseto, che si riserva la potestà di sospendere o modificare, in tutto o in parte, il presente procedimento;
  •   la presente richiesta di manifestazione d’interesse ha il solo scopo di rendere conoscibile la disponibilità, da parte di soggetti legittimati, all’assunzione dell’affidamento;
  •   per manifestare l’adesione al presente avviso, nonché per la stipula della successiva convenzione, è richiesto ai concorrenti di fornire dati ed informazioni, anche sotto forma documentale, che rientrano nell’ambito di applicazione del D.Lgs.vo n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali). Ai sensi e per gli effetti della citata normativa il titolare del trattamento dei dati è la Prefettura di Grosseto;
  •   il trattamento dei dati verrà effettuato in conformità alla vigente normativa e comunque in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza;
  •   i dati forniti potranno essere anche abbinati a quelli di altri soggetti in base a criteri qualitativi, quantitativi e temporali di volta in volta individuati;

5

Annunci