Il 2016 incomincia con un ricordo di mio nonno…

Alberto Missaglia bambino

Alberto Missaglia bambino

Comincio il 2016 con una storia bellissima: il 15 gennaio metteranno una pietra d’inciampo dove è vissuto mio nonno Alberto, partigiano, deportato e morto a Dachau il 15 aprile 1945. E una classe del Gobetti Marchesini Casale, un istituto superiore di Torino, ha fatto una ricerca su di lui e sta montando un video, in collaborazione con il Museo della Resistenza. L’idea che ci siano ancora degli insegnanti e dei ragazzi che si impegnano per raccontare la resistenza mi restituisce un po’ di ottimismo.

> vai alla pagina sulle pietre d’inciampo sul sito del Museo Diffuso della Resistenza di Torino

VITTORIA! Nessun Hotel Gramsci a Torino

AVEVAMO LANCIATO UN APPELLO: Gramsci non può essere un Hotel a cinque stelle. Il  28 novembre  è stato inaugurato l’hôtel ma non ha preso il nome di Gramsci, bensì NH Collection Torino Piazza Carlina. http://www.travelnostop.com/piemonte/alberghi/a-torino-apre-lnh-collection-torino-piazza-carlina_120168

GRAMSCI 4


 

27 aprile Fiori e pietre per Gramsci

IL 27 aprile 1937 moriva Antonio Gramsci.  Portiamo dei fiori sulla sua tomba, o delle pietre..

77618574 PIETRE SULLA TOMBA DI GRAMSCI

Pietre lasciate sulla tomba di Gramsci l’anno scorso

Il ricordo di Eddyburg, nell’anniversario della sua morte, con un suo testo significativo anche oggi

27 aprile 1927 “Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti»

Continua a leggere

APPELLO: Gramsci non può essere un hotel a cinque stelle

GRAMSCI 4Appello contro il progetto di chiamare “Grand Hotel Antonio Gramsci” l’albergo che sorgerà  in Piazza Carlina a Torino, nel palazzo dove Gramsci visse nel periodo in cui  fondò il Partito Comunista, prima  di venire incarcerato per un decennio  dal regime fascista e morire a soli 46 anni.

Al Sindaco di Torino Piero Fassino

Non possiamo impedire che il cambiamento trasformi in albergo un  luogo dove si dovrebbe coltivare la memoria collettiva.

Ma possiamo ancora ribellarci  quando un nome, Antonio Gramsci, che per noi è radici, dolore, gratitudine, viene gettato nella banalità del marketing  e condannato  a perdere ogni  significato, come il Napoleone del Cognac.

Non sopporteremo che i suoi occhi intensi  da ragazzo e la sua capigliatura generosa diventino i tratti stilizzati di un logo da dépliant.

Continua a leggere

Ma Gramsci non può essere un hotel a cinque stelle

gramsci

AGGIORNAMENTO 28 NOVEMBRE 2014,  UNA VITTORIA:  è stato inaugurato  l’hôtel, ma  non ha preso il nome di Gramsci, bensì  NH Collection Torino Piazza Carlina. 

7 aprile 2014 Un articolo di  Repubblica di ieri  6 aprile (1) annuncia che nel palazzo di Piazza Carlina, dove Gramsci visse due anni  nel periodo in cui fondò il Partito Comunista, si stanno terminando i lavori di un albergo di lusso, vista Mole Antonelliana. E’ sempre motivo di dolore quando un luogo che custodisce un pezzo del nostro passato diventa il contenitore di qualche altra cosa banale, anzichè spazio dove coltivare la memoria collettiva. Ma questa volta il dolore è atroce, perchè la banalizzazione investe direttamente uno dei nostri padri, un uomo che ha scritto pagine che ci parlano ancora oggi, un martire che ha pagato con la vita la libertà delle sue idee. In un tempo dove accettiamo che la  parola “valorizzazione” da “dare valore” diventi  ” ricavare guadagno”,  non so quanti ancora sapranno indignarsi per la possibilità che “Antonio Gramsci” diventi il nome di un Hotel a cinquestelle, ormai troviamo normale qualunque cosa. E mi sembra assai misero il ragionamento di chi regala il suo volto e il suo nome – l’immagine  che ci resta di chi non c’è più – per averne in cambio uno spazio dove “organizzare delle piccole riunioni” e  “una biblioteca con tutte le opere del filosofo”, di chi considera  “una possibilità importante quella  data dall’hotel”  “che mira a salvaguardare la memoria di Gramsci”.

Continua a leggere