Gilioli: l’Europa muore e se lo merita tutto

da Piovonorane 29 giugno 2018

L’Europa muore e se lo merita tutto

Orrendo, grottesco, cieco, irresponsabile, meschino: trovatelo voi l’aggettivo più adatto a definire il comportamento dell’Europa verso l’Africa, in questi giorni.

E parlo dell’Europa tutta, non solo del nostro ridicolo Conte (che peraltro segue la strada di Minniti): parlo dei supponenti Macron e Merkel, dei fascistoidi di Visegrad, degli eleganti nordici.

Parlo dell’Europa tutta che non si occupa di Africa ma di rifiutarne i migranti, che frigna per l’effetto fregandosene della causa, che si rimpalla al suo interno esseri umani – prendili tu, no prendili tu! – con lo stesso cinismo con cui cent’anni fa si spartiva la loro terra – la prendo io, no la prendo io! – e come ancora adesso se ne spartisce le risorse naturali, i contratti, le dighe, l’import di armi, i giacimenti, gli appalti – li prendo io, no li prendo io!

Continua a leggere

Annunci

Non abbiamo visto nostro fratello nel luogo in cui è morto

Soumaila Sacko è stato assassinato nelle campagne di San Calogero, in provincia di Vibo Valentia. Era un migrante regolare del Mali, bracciante sfruttato nei campi agricoli di Reggio Calabria, padre di una figlia di 5 anni. Era un attivista dell’Unione sindacale di base,lavorava per un salario di tre euro l’ora al giorno, aiutava i suoi compagni ad avere più diritti. Gli inquirenti  seguono la pista della criminalità organizzata.

A Soumaila Sacko dedico questa canzone che Johnny Clegg ha scritto per  Nelson Mandela, ma che è dedicata a tutti quelli che non si sono tirati indietro  per difendere quello che è giusto, per difendere i propri compagni, per difendere  i diritti di quelli che verranno dopo.

Continua a leggere

Nuova serie TV “Mollo tutto e cambio vita”. Migranti? No coppie italiane in lidi esotici

Sky manderà in onda la nuova serie “Mollo tutto e cambio vita”. No, non racconta le storie dei migranti che hanno lasciato i loro paesi per la guerra o la fame, in cerca di un futuro migliore per i propri figli, o  per aiutare gli affetti lasciati a casa, trovando un mondo diverso con tante difficoltà. No, racconta questo: “coraggiose scelte di coppie che hanno deciso di ripartire da capo e di rinascere. I lidi esotici, il clima favorevole, la natura, sono molto ispiranti e ti fanno sperare in una migliore qualità della vita. In ogni episodio seguiremo una storia di cambio vita seguendo il protagonista nel corso di alcune giornate con i ritmi del suo quotidiano. Il racconto del protagonista si incrocerà con storie di altri italiani“. Ecco, prima e sempre gli italiani,  anche quando si parla di cambiare drasticamente vita.

Ma esisterà un canale televisivo che avrà il coraggio di mandare in onda  le difficoltà quotidiane, le paure, la fatica degli stranieri che arrivano nel nostro Paese, in luoghi assai poco esotici, e non sotto forma del  reportage giornalistico, inchiesta su rpoblemi sociali,  ma come racconto  di persone di cui si possano condividere gioie e dolori, esattamente come per le “coppie” italiane protagoniste della nuova serie.

Continua a leggere

Gilioli: Meditiamo che questo è

 Meditiamo che questo è (dal Blog di Alessandro Gilioli Piovono Rane – L’Espresso 7 settembre 2017)

Schermata 2017-09-07 alle 13.17.56

Possiamo tranquillamente infischiarcene di quello che ci dice Medici Senza Frontiere sulle condizioni dei campi di prigionia in cui sono detenuti i migranti che cercavano di raggiungere l’Europa: «Ammassati in stanze buie e sudicie, prive di ventilazione, costretti a vivere una sopra l’altro. Gli uomini costretti a correre nudi nel cortile finché collassano esausti. Le donne violentate e poi obbligate a chiamare le proprie famiglie e chiedere soldi per essere liberate. Tutte le persone che abbiamo incontrato avevano le lacrime agli occhi».

 

Continua a leggere

Diario: Rifugiati

Meno male che gli abitanti della Florida che scappano verso nord da un’emergenza climatica fanno parte della stessa federazione di Stati. Perché se avessero dovuto cercare rifugio in un paese di nazionalità diversa, capace che mettevano dei check point sul confine per verificare chi effettivamente avesse diritto di essere accolto perché viveva nelle strade a rischio e chi invece un po’ più in là e quindi un irregolare da respingere. O magari schieravano direttamente l’esercito per impedire “l’invasione”…o forse no, perché gli abitanti della Florida sono comunque persone come noi, mediamente benestanti (rispetto al resto del mondo). Gli “invasori” sono sempre i poveri…

Nessuno può dire di non sapere

“Immigrants” by Alireza Pakdel, Iranian artist.

Pubblico in questo spazio pensieri e materiali di riflessione sull’ “emergenza umanitaria” in atto nel nostro Paese, dove un bel po’ di gente, a partire dai nostri governanti, pensa che impedire a uomini, donne e bambini in fuga da guerre, torture e stenti, valga qualsiasi prezzo. Anche consegnarli a sicuri aguzzini. Anche condannarli a morire.  Anche  perdere quel poco che ci resta di umanità.

Meditiamo che questo è (dal Blog di Alessandro Gilioli Piovono Rane – L’Espresso 7 settembre 2017)

Possiamo tranquillamente infischiarcene di quello che ci dice Medici Senza Frontiere sulle condizioni dei campi di prigionia in cui sono detenuti i migranti che cercavano di raggiungere l’Europa: «Ammassati in stanze buie e sudicie, prive di ventilazione, costretti a vivere una sopra l’altro. Gli uomini costretti a correre nudi nel cortile finché collassano esausti. Le donne violentate e poi obbligate a chiamare le proprie famiglie e chiedere soldi per essere liberate. Tutte le persone che abbiamo incontrato avevano le lacrime agli occhi». (> leggi tutto)

Io temo la «democrazia» di Marco Minniti

di Guido Viale
«”Aiutiamoli (a crepare) a casa loro”: perfetta unità sulla questione profughi e migranti delle tre forze che si contendono il controllo politico del paese, Pd, destra e 5stelle». guidoviale.it blog, 5 settembre 2017

Continua a leggere

Diario: Salvineide

Questa è solo una carrellata di post dalla pagina Facebook di Matteo Salvini in questi giorni di agosto. Sono più significativi di tanti discorsi. A partire dall’orribile paragone tra il piccolo Aylan, il bimbo curdo morto sulla spiaggia e Julian, il bimbo inglese ucciso dai terroristi a Barcellona, che Salvini ha  rilanciato da un  articolo  di Il Giornale.it. Il post   è stato condiviso 14.366 volte. Quattordicimilatrecentosessantasei persone  che  hanno pensato che fosse normale, di fronte a una tragedia del genere, non provare compassione per i due bambini, ma prendersela con i “buonisti” che non applicano lo stesso trattamento mediatico  a due piccoli morti di nazionalità diversa.  Come se fossero vittime di due fronti opposti  del conflitto. Ma come osserva  Simona Moscarelli dell’OIM, si tratta di due vittime della stessa guerra, bimbi uccisi dalla stessa mano. Anche Aylan era in fuga dall’ISIS. Non facciamoci convincere che esista un NOI e un LORO. Potrei inondare le bacheche degli amici con foto di bimbi affogati, lasciati a morire nel deserto o vittime di attentati terroristici non coperti da nessuna testata. Siamo arrabbiati, siamo spaventati ma dobbiamo restare lucidi. Il sonno della ragione genera mostri e il passo da qui a Charlottesville è molto più breve di quello che si pensi”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Codice Minniti. L’emergenza umanitaria non sono i migranti. Siamo noi.

“Immigrants” by Alireza Pakdel, Iranian artist.

Voglio conservare queste risposte al Codice Minniti e ai  discorsi che siamo costretti a sentire. Sono scritte da persone diverse, persone che raccontano  quello che provo e che mi fanno sentire meno sola  di fronte a questo disastro. Un’emergenza umanitaria, non per i migranti in pericolo nel mare, ma per noi, massa  di sciagurati indifferenti. (interventi di Guido Viale, Roberto Saviano, Marco Revelli, Tomaso Montanari) (AMBM)

Ricorda, non sei straniero sei solo povero.
Se fossi ricco non saresti straniero in nessun luogo.(MamAfrica)

Guido Viale – da il Manifesto  6 agosto 2017

Ong, in difesa dei giusti

Migranti. A chi cerca di sottrarre i profughi a un destino di sofferenza e morte andrebbe riconosciuto il titolo di “Giusti”. Invece vengono trattati come criminali, sempre più spesso con un linguaggio che tratta le persone salvate e da salvare come ingombri, intrusi, parassiti e invasori da buttare a mare

Continua a leggere