I migranti, Renzi e la lezione di George Lakoff

 

UBI MAIOR…In calce il bellissimo articolo di Tomaso Montanari sullo stesso tema (da Il Manifesto 9 luglio)

Una delle più illuminanti letture che mi hanno accompagnato in questi anni di tentativi di comunicazione efficace (necessità di ingegnarsi vista la penuria di attenzioni dei canali ufficiali rispetto ai temi e alle battaglie di Carteinregola) è un libretto che si intitola “Non pensare all’elefante” del sociologo statunitense George Lakoff. L’ho consigliato a tanti amici che fanno politica. Perché spiega con semplicità l’importanza del linguaggio. Dei concetti associati alle parole. Lui li chiama “frames“. Sono quelli che rendono le parole  veicoli di “archetipi”,  che possono essere anche molto distanti dalle intenzioni dei loro utilizzatori. Specialmente quando dovrebbero rispecchiare valori e visioni  di destra e di sinistra.  Per  esempio,  parlare di “sgravio fiscale” vuol dire evocare l’idea delle tasse come qualcosa che schiaccia i cittadini sotto il suo peso, infatti è  il classico cavallo di battaglia delle destre. Ed è un’espressione che non dovrebbe essere usata dalla  sinistra,  che invece si batte per un regime fiscale proporzionale ai redditi,  per  incrementare il welfare e ridurre le disuguaglianze.

E proprio in un frame sbagliato è scivolato Renzi usando la parola “aiutiamoli a casa loro“.

Continua a leggere