Turchia, l’appello di Barbara Spinelli

arci turchiaFermiamo la repressione in Turchia.

26 luglio  sit-in promosso dalla Flc-Cgil, Cisl scuola, Uil scuola nei pressi dell’ambasciata turca di via Palestro (angolo via S. Martino della Battaglia) alle 17.30

L’APPELLO DI BARBARA SPINELLI, EURODEPUTATA

Gentile Alto Rappresentante /Vice Presidente Federica Mogherini,

Gentile Segretario Generale Thorbjørn Jagland,

Venerdì 15 luglio la Turchia è stata vittima di un tentativo di colpo di stato che ha provocato più di 200 vittime, per la maggior parte civili, e più di 1400 feriti. Subito dopo, il Governo turco ha avviato un’epurazione su larga scala e del tutto sproporzionata in seno all’apparato statale. Dal giorno in cui ha avuto luogo il fallito colpo di stato, fino al 20 luglio 2016, il numero complessivo di epurazioni (sospensione dagli incarichi e arresti) nel servizio pubblico ammonta a più di 61.000 persone. Le purghe hanno colpito in particolare i seguenti settori:

Continua a leggere

Annunci

VITTORIA! Nessun Hotel Gramsci a Torino

AVEVAMO LANCIATO UN APPELLO: Gramsci non può essere un Hotel a cinque stelle. Il  28 novembre  è stato inaugurato l’hôtel ma non ha preso il nome di Gramsci, bensì NH Collection Torino Piazza Carlina. http://www.travelnostop.com/piemonte/alberghi/a-torino-apre-lnh-collection-torino-piazza-carlina_120168

GRAMSCI 4


 

APPELLO: Gramsci non può essere un hotel a cinque stelle

GRAMSCI 4Appello contro il progetto di chiamare “Grand Hotel Antonio Gramsci” l’albergo che sorgerà  in Piazza Carlina a Torino, nel palazzo dove Gramsci visse nel periodo in cui  fondò il Partito Comunista, prima  di venire incarcerato per un decennio  dal regime fascista e morire a soli 46 anni.

Al Sindaco di Torino Piero Fassino

Non possiamo impedire che il cambiamento trasformi in albergo un  luogo dove si dovrebbe coltivare la memoria collettiva.

Ma possiamo ancora ribellarci  quando un nome, Antonio Gramsci, che per noi è radici, dolore, gratitudine, viene gettato nella banalità del marketing  e condannato  a perdere ogni  significato, come il Napoleone del Cognac.

Non sopporteremo che i suoi occhi intensi  da ragazzo e la sua capigliatura generosa diventino i tratti stilizzati di un logo da dépliant.

Continua a leggere