Diario: si dimette il capogabinetto M5S di Torino

28 ottobre 2017 Si può vedere in due modi. Bravi a mandare via un capo di gabinetto che ha fatto una telefonata che non doveva fare, soprattutto come esponente di un moVimento che ha chiesto il voto dei cittadini promettendo che i suoi “portavoce” non si sarebbero comportanti come i disprezzati politici navigati e spregiudicati. Ma è inquietante pensare alla disinvoltura con cui un capo di gabinetto targato M5S abbia alzato la cornetta per far risparmiare 90 euro di multa a un amico. Certo fosse stato un appartenente a qualsiasi altro partito sarebbe ancora al suo posto, all’insegna dell'”embè?” del centro destra o del “linciaggio mediatico” del centro sinistra. Ma questo non toglie nulla alla naturalezza incosciente, immune alla furbizia di chi da sempre si approfitta del potere ma assicurandosi minime coperture e complicità, che dimostra ancora una volta, che, alla fine, è facile inneggiare all’onestà quando non si è (ancora) esposti alla famosa occasione che potrebbe fare l’uomo ladro. Il vero rispetto delle regole e dell’interesse pubblico, il senso dell’onore, si dimostrano quando ci si scopre capaci di resistere alle tentazioni. Anche quando si presentano sotto forma di un amico che ti chiede di fargli levare una multa. http://torino.repubblica.it/cronaca/2017/10/28/news/il_capo_di_gabinetto_di_appendino_paolo_giordana_si_e_dimesso-179570879/

Annunci

Codice Minniti. L’emergenza umanitaria non sono i migranti. Siamo noi.

“Immigrants” by Alireza Pakdel, Iranian artist.

Voglio conservare queste risposte al Codice Minniti e ai  discorsi che siamo costretti a sentire. Sono scritte da persone diverse, persone che raccontano  quello che provo e che mi fanno sentire meno sola  di fronte a questo disastro. Un’emergenza umanitaria, non per i migranti in pericolo nel mare, ma per noi, massa  di sciagurati indifferenti. (interventi di Guido Viale, Roberto Saviano, Marco Revelli, Tomaso Montanari) (AMBM)

Ricorda, non sei straniero sei solo povero.
Se fossi ricco non saresti straniero in nessun luogo.(MamAfrica)

Guido Viale – da il Manifesto  6 agosto 2017

Ong, in difesa dei giusti

Migranti. A chi cerca di sottrarre i profughi a un destino di sofferenza e morte andrebbe riconosciuto il titolo di “Giusti”. Invece vengono trattati come criminali, sempre più spesso con un linguaggio che tratta le persone salvate e da salvare come ingombri, intrusi, parassiti e invasori da buttare a mare

Continua a leggere

Il presente che nutre il fascismo

Muro di Berlino (foto AMBM)

Mai dissociare la libertà dalla giustizia sociale e dalla dimensione etica…

di Nadia Urbinati   

«Il pericolo numero uno della società orizzontale è rappresentato dall’isolamento  di soggetti che ritengono di poter dare, per citare Ulrick Beck, “soluzioni biografiche a contraddizioni sistemiche”». la Repubblica, 12 luglio 2017 (c.m.c.) (Da Eddyburg)

Continua a leggere

Io magistrato, le banche e i mutui concessi ai criminali

soldiRilancio un lucido e appassionato intervento di un magistrato pubblicato il 5 agosto 2016 sul sito di La  Repubblica

Nelle indagini sui patrimoni mafiosi, sempre ambiguo il ruolo degli Istituti di Credito, grandi e piccoli

di MARCO PATARNELLO* 5 agosto 2016