Il mondo di mezzo e il mondo nuovo

Pubblicato il di carteinregola

MAXXI spazio pubblico

Quello che è successo in questo finale d’anno ci ha fatto scoprire una città malata.
Malata di mafia, malata di corruzione, malata di mala amministrazione. Ma soprattutto malata di indifferenza.

Sapere che nella nostra città c’è la mafia che comanda, che corrompe e che ruba risorse collettive, poteva scatenare un’indignazione infinita, che con un po’ di buona volontà  poteva prendere la forma di un nuovo impegno.

Fino  a oggi non è successo. Più che per menefreghismo, per rassegnazione.

Ci siamo rassegnati   a non  contare nelle decisioni che riguardano i nostri territori e la qualità della nostra vita. Ci siamo rassegnati a dover chiedere come favore quello che sarebbe un nostro diritto. Ci siamo rassegnati a vedere passare  davanti agli altri quelli che non ne hanno diritto. Ci siamo rassegnati a votare per gente che fa promesse  che non vengono mai mantenute. Ci siamo rassegnati a non vedere trionfare quasi mai la  giustizia. Ci siamo rassegnati alla legge del più forte. E ci siamo rassegnati a non avere fiducia in noi  stessi, nella nostra possibilità di cambiare qualcosa, e a non avere fiducia negli altri, quelli con cui potremmo  condividere  un’altra idea di  mondo.

Continua a leggere

Annunci

La lettera di Piero

Tagliare con decisione tutti i tentacoli con il passato non è solo un obbligo morale ma soprattutto un atto necessario per recuperare fiducia e credibilità nella base…”La lettera di Piero Filotico al commissario Matteo Orfini, mandato dal segretario Renzi a occuparsi della “palude PD romano”, restituisce la speranza che un partito possa ripartire, non dai vertici, ma dalla base…

(dal Blog  un filo rosso, 7 dicembre 2014)

Lettera aperta (e un po’ provocatoria) a Matteo Orfini

Caro Matteo,

anche se non ci conosciamo, sento il dovere di avvertirti che nel caso prendessi l’insana decisione di proseguire nella lettura di questa mia lo farai a tuo rischio e pericolo, perché non ho nessuna intenzione di essere diplomatico e conciliante. E, tanto per farti capire di che pasta sono, mi piace definirmi un vecchio cane sciolto e per mentalità e personalità assai poco incline a legami, salvo che ai miei ideali e ai miei principi.

orfini-matteo
Questa lettera si divide in due parti: cosa non mi convince dell’incarico che ti è stato affidato e di cosa puoi fare per il Pd Roma. Non sono in contraddizione tra loro: se avrai pazienza vedrai perché.
Il disastro della Federazione di Roma del Pd non è un fatto di ieri e dubito che non ne fossi al corrente: tuttavia non mi risulta che tu, esponente romano di spicco, abbia mai fatto nulla per intervenire o suggerire rimedi e pertanto dovrei avere qualche dubbio sul fatto che oggi sia in grado di rimetterlo sui binari. Perdipiù, arrivi come un proconsole dotato di tutti i poteri e lo dimostri subito azzerando Direzione e Assemblea, non rispettando così lo Statuto. Cito un amico autorevole e stimato: “cominciare un’avventura così delicata e importante per il futuro del partito romano infrangendo le regole che ci governano è il modo peggiore è il più dannoso. Si perde credibilità sin dal primo giorno, e si fa un altro passo verso il baratro”.

Continua a leggere

Mafia Capitale: una questione di anticorpi

(da Carteinregola)

A Roma c’è la a mafia. Non di importazione, autoctona. Una “quinta mafia” con caratteristiche peculiari  descritte molto bene dal Procuratore Pignatone nella conferenza stampa del 2 dicembre.   Dopo  arresti e perquisizioni in Campidoglio e  alla Pisana, co  indagati di primo piano della politica cittadina,  dall’ex sindaco Alemanno  al presidente dell’Assemblea Capitolina Mirko Coratti (PD), dall’assessore Ozzimo, che si é dimesso, a Giovanni Quarzo, Capogruppo di Forza Italia e presidente della  Commissione Trasparenza, a Eugenio Patanè (PD)  e Luca Gramazio (PdL – Forza Italia)rispettivamente ex Presidente del PD romano e  ex consigliere di Roma Capitale,   attualmente consiglieri regionali  del Lazio. La prima ragione è il venir meno – da molti anni – degli anticorpi che avrebbero dovuto scattare, ben prima della magistratura, a difesa del bene pubblico, nelle istituzioni, nei partiti e anche nell’informazione
Il video di Repubblica della conferenza stampa di PignatoneConferenz astampa Pignatone 

Continua a leggere

La parola agli esperti

A margine dell’operazione “mondo di mezzo”  Roma CapitaleLa pagina dle corriere Marino Frankenstein

Fa uno strano effetto rileggere le dichiarazioni e gli articoli anche solo di pochi giorni fa, del “pre operazione mondo di mezzo”. Il “senno di poi” in questo caso è spietato. Pensare che fino al 18 novembre scorso c’era chi chiedeva le dimissioni del Sindaco per 8 multe non pagate. O chi aveva commissionato e diffuso urbi et orbi un sondaggio che demoliva la popolarità di Marino mettendogli sulla schiena piaghe della città irrisolte da decenni. Ma soprattutto fa uno strano effetto rileggere le parole del capogruppo del senato Zanda*, che accusava Marino di non avere ” la conoscenza robusta di Roma che avevano Rutelli e Veltroni, o Petroselli e Argan” giungendo a queste profetiche conclusioni: “Marino non deve pensare che le indicazioni del Pd siano date per motivi diversi dal volerlo rafforzare. Ci mancherebbe altro che lui non si fidasse del suo partito” aggiungendo “il fatto che il sindaco e la sua maggioranza non vadano d’accordo è contro natura”.

Continua a leggere